🔴 La storia dei 3 fratelli e dei 17 cammelli 🔴
👉Quando i limiti sono auto imposti
👉Quando siamo troppo occupati di difendere il nostro punto di vista a tutti i costi , piuttosto che risolvere un problema
👉Quando l’eccesso di ego ci porta ad incrementare i litigi piuttosto che trovare le soluzioni
✔︎ Molto tempo fa in Medio Oriente, un anziano, lasciò i suoi 17 cammelli ai tre figli. Al primo figlio lasciò la metà dei suoi cammelli; al secondo figlio, lasciò un terzo dei cammelli; e al figlio più giovane, lasciò un nono dei cammelli. Bene ci sono tre figli e una negoziazione. ma 17 non si divide per due. Non si divide per tre E nemmeno per nove. L’animo di fratelli cominciò a scaldarsi. Alla fine, disperati, andarono a consulto da una vecchia saggia. La vecchia saggia pensò a lungo al problema, alla fine tornò e disse loro: ‘Bene non so come aiutarvi, ma se non altro se volete, potete tenere il mio cammello’. Così ebbero 18 cammelli. Il primo figlio se ne prese la metà – metà di 18 è nove Il secondo prese il suo terzo .. un terzo di 18 è sei Il figlio più giovane prese il suo nono … un nono di 18 è due. In tutto 17. Era rimasto un cammello. Che ritornò alla vecchia saggia”

➡️ Siamo bravissimi a crearci auto inganni che ci impediscono di agire come vorremmo:
➡️ perché non proviamo a creare ed a trovare soluzioni differenti ? ➡️ si potrebbero risolvere vecchi problemi
➡️vedere opportunità laddove sembrerebbero non esserci
➡️trovare possibilità che sembrano nascoste
➡️per lo stesso problema potrebbero esserci tante soluzioni differenti