Anginofobia : la paura di soffocare
Una paura irrazionale per qualcosa che non esiste si chiama Fobia. 
L’anginofobia è la paura di rimanere soffocati mentre si deglutisce .
La paura puo’ riguardare deglutire la saliva, le pillole, il cibo ecc
ll momento del pasto diventa una fonte di angoscia tanto da essere vissuto con forte ansia. 
L’esordio avviene generalmente intorno ai 12/ 13 anni e inizialmente sia il soggetto che tutta la famiglia cercano di risolvere il problema da soli , attraverso delle strategie chiamate “Evitamento “.
I primi campanelli di allarme sono : paura di rimanere soffocati con penne, bottoni, piccoli oggetti .
Spesso coloro che ne soffrono hanno avuto un’esperienza traumatica diretta oppure indiretta ( per esempio un amico che ha rischiato di soffocare con un boccone )
Le strategie che vengono messe in atto, inizialmente riguardano la scelta di certi cibi che secondo il soggetto non sono potenzialmente pericolosi . Per esempio si inizia ad eliminare la carne, poi la pasta, poi il pane fino ad arrivare ✔︎a mangiare solo omogenizzati ‼️
L’alimentazione diventa un pensiero ossessivo tanto da compromettere ogni tipo di relazione e scambio sociale.
Piu’ che la strategia attuata è quella dell’evitamento, piu’ che il soggetto si convince che ogni tipo di cibo è per lui pericoloso.
E se l’evento capita ad un bambino ? Come potrebbero comportarsi i genitori per evitare che possa in seguito trasformarsi in una Fobia ?
✅Accogliere la paura che il bambino manifesta cercando di rassicurarlo sul fatto che l’evento accaduto è stato totalmente accidentale e difficilmente ripresentabile
✅Di fronte all’evento che ha causato un trauma come quello di poter soffocare a causa di un cibo, occorre far vivere un’esperienza emotiva positiva e correttiva
✅Non proporre alternative rispetto alla scelta degli alimenti ed alla loro solidità
✅Cercare di rendere il pasto un momento il piu’ sereno possibile
✔︎Se la difficoltà persiste, chiedete aiuto ai professionisti
Foto di cottonbro da Pexels