Il  sintomo che  significa circostanza ,  ha la funzione di segnalare un’anomalia, una disfunzione di un apparato o di un insieme di apparati. Il sintomo, in psicologia, assume varie forme di comunicazione leggibili mediante specifici codici di lettura. E’ un messaggio, codificato in un linguaggio  che il professionista può’ leggere ma  che può’ sfuggire  sia a colui che lo manifesta  sia a coloro che lo osservano.

Si tratta di un messaggio in codice  che spesso resta inascoltato ma che invece è nato per comunicare e la sua valenza, la sua forza, la sua capacità energetica non può’ essere stabilita a priori ma deve essere inserita all’interno di un percorso, individuale e familiare. Il sintomo ha quindi una storia.

I sintomi  in alcuni casi  possono essere evidenti, come quelli più frequenti:

  • comportamenti aggressivi e irrequietezza;
  • mancato rispetto delle regola sia a casa che a scuola
  • disturbi del sonno
  • calo del rendimento scolastico
  • problematiche fisiche improvvise (mal di stomaco, mal di testa…)
  • comportamenti regressivi (pipì a letto, succhiarsi il pollice…)
  • fobie e paure
  • continui sbalzi d’umore e distrubi d’ansia.

Questi sono alcuni dei sintomi piĂą ricorrenti, che dovrebbero subito allertare il genitore.

In altri casi invece, possono manifestarsi sintomi più mascherati e difficilmente riconoscibili, come  ad esempio una timidezza patologica, con progressivo isolamento sociale.

Le nostre esperienze infantili sono quelle che definiscono le nostre vite adulte, le influenzano e le condizionano. Diventano il riferimento presente e futuro per le relazioni con l’ambiente e con gli altri.  Ogni bambino che nasce, però ha una sua storia, una sua progettualità, che potrebbe essere anche diversa da quella che l’ambiente gli offre, ma deve per necessità adattarsi. Ha bisogno di amore e di cure , calore e sostegno, tanto che  se non riceve l’affetto potrebbe anche morire.

I bambini, spesso sono costretti a scegliere tra ciò che i genitori desiderano per loro  e quello che invece vorrebbero fare veramente . Anche gli adulti che sono diventati tali  grazie al processo di differenziazione con la propria famiglia di origine, inizialmente hanno vissuto questa dualità 

L’ambiente e la famiglia di origine condizionano la crescita ed il modo di codificare gli eventi e le esperienze  .  Ad esempio, se un figlio, è cresciuto in un ambiente che privilegia i rapporti di dipendenza , sarĂ  difficile per lui staccarsene senza particolari effetti e magari potrĂ  provare quella che viene definita ansia da separazione. SarĂ  insopportabile per lui credere di potersi distaccare da qualcuno. SuccederĂ  se avverrĂ  un grosso cambiamento , quasi “una rivoluzione ” e questa rivoluzione ha inizio con un percorso di cambiamento che ognuno di noi decide di intraprendere quando sente che il suo equilibrio è instabile .  Questo cambiamento  puo’ avvenire anche grazie  alla manifestazione di un sintomo, se accolto in maniera opportuna all’interno della famiglia. 

Non è solo il supporto psicologico l’unica via di uscita.  Alba Marcoli, ad esempio parla anche di un ascolto attivo, attento, da parte dell’ambiente in cui il bambino vive, che  in alcuni casi, funzionare ancora meglio di una psicoterapia.

 Il sintomo allora è la parte sana che ci guida e che aiuta non solo il bambino ma anche i genitori  perché insieme possono cambiare.  Il disagio,  ci sta segnalando un istinto vitale che prevale, ovvero ci indica che c’è un processo di ” interazione latente che sfugge alla nostra comprensione ” .

I genitori che lo accompagnano dovrebbero  impegnarsi nel trovare il senso del sintomo, accoglierlo e non negarlo. Una volta individuato il senso di questo, il bambino e l’adulto hanno già in mano la chiave per incamminarsi verso una strada nuova ed aprire una nuova porta. Spesso basta sentirsi ascoltati  e visti per stare meglio .

Quello che interessa non è quindi la sua negazione,  ma cogliere e capirne il senso “perché la strada è già scritta li , ed ognuno la individuerà all’interno della propria storia”

Quello che Alba Marcoli propone , come aiuto ai bambini ed agli adulti, è  l’utilizzo delle fiabe come potente mezzo per scoprire il mondo interiore, al fine di riappropriarsi , ognuno delle proprie emozioni.