L’ortoressia
E’ ” l’ultima arrivata ” tra le molteplici forme e manifestazioni dei disturbi alimentari . 🆘 Ancora non è annoverata come disturbo ma sicuramente e’ una fonte di rischio.
Significa “ossessione ” per i cibi sani
La patologia ” nervosa ” risiede proprio nella sua forma ossessiva.
E’ stato un medico negli USA , Steven Bratman, a parlarne per la prima volta in un libro adesso molto famoso
La paura nell’ortoressia è nel contrarre malattie mortali.
Alimentarsi di cibi esclusivamente sani diventa una fobia al punto di far sentire il soggetto ” talmente pulito dentro ” da essere superiore agli altri
E se cade in tentazione ? Prova enormi sensi di colpa che deve ridurre attraverso penitenze alimentari che portano a ridurre ancora di piu’ la scelta degli alimenti
Secondo alcuni autori è paragonabile ad una forma di ipocondria ( paura di contrarre malattie e morire ) 👉 tanto da adottare diete rigide e fare sport eccessivamente dispendiosi in termini calorici
Comporta isolamento e ritiro sociale 👉ne’ aperitivi né cene con gli amici
👉Gli indicatori sono :
✔︎pensare al cibo per piu’ di 3 ore al giorno
✔︎pianificare in modo ossessivo pranzi e cene anche del giorno dopo
✔︎mangiare solo quello che ritenuto sano anche se il gusto lascia a desiderare
✔︎rinunciare a cio’ che piace per non sentirsi in colpa.
Laura Dalla Ragione, nel suo libro ” La casa delle bambine che non mangiano ” , individua dei comportamenti comuni ai piu’ conosciuti disturbi alimentari
🆘 In cosa si assomigliano ?
✔︎pensare che il cibo non sia piacere
✔︎provare disprezzo per coloro che si nutrono
✔︎sentirsi in colpa ed aver voglia di purificarsi
✔︎adottare misure compensative ( lassativi , diuretici ecc)
✔︎evitare cene ed occasioni di festa ecc
Se qualunque aspetto diventa cosi preoccupante da diventare un ‘ossessione occorre rivolgersi ad un professionista 🍀
“La casa delle bambine che non mangiano ” Laura Dalla Ragione , ed Il pensiero Scientifico
Foto di Anete Lusina da Pexe